Google+
Venerdì, Giugno 23, 2017
first
  
last
 
 
start
stop

latest news

RIPARTIRE, RISCOPRIRE E RICOSTRUIRE..."TRA TERRA E CIELO"

Sporcarsi le mani con attività concrete e che possano lasciare un segno in modo utile sui luoghi colpiti dal terremoto. 

Questo l'obiettivo che ha mosso il Consiglio Regionale dell'Agesci Umbria nella messa a punto del progetto "Tra Terra e Cielo".

Superata la fase iniziale d'emergenza ed assistenza alle popolazioni colpite dal sisma, gli scout umbri hanno pensato di proporre ai Clan d'Italia un progetto di servizio concreto e continuativo alle comunità locali.

Cinque Routes di strada e servizio lungo i territori colpiti dal sisma, cinque percorsi immersi tra natura e spiritualità. In ognuno la possibilità di entrare in contatto con le comunità locali e svolgere attività di servizio come animazione a bambini, anziani e disabili, e lavori per il recupero e la ricostruzione di luoghi in Valnerina. Da Spoleto a Castel San Felice attraverso Meggiano e Cerreto, da Monteleone a Spoleto via Gavelli e Vallo, e ancora da Norcia a Preci, da Cascia a Norcia e da Monteleone a Cascia.

In ogni percorso la possibilità di vivere momenti di spiritualità con comunità religiose del territorio.

E attraverso il racconto di esperienze di servizio e testimonianza riscoprire la preghiera e la contemplazione nei luoghi attraversati.

Le Routes si svolgeranno dal 17 giugno al 10 settembre. I Clan potranno scegliere quale percorso attraversare e in quale settimana (il calendario delle Routes va da sabato a sabato).

Su ogni percorso potranno transitare in contemporanea un numero limitato di Clan pertanto il percorso scelto e il relativo periodo (insieme a uno di riserva) va comunicato all'indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Le iscrizioni si chiuderanno il 21 maggio.

Cascata delle Marmore

 

POPOLI E RELIGIONI - TERNI FILM FESTIVAL PUBBLICATO IL BANDO PER L'EDIZIONE 2017

Sarà la metamorfosi il tema della tredicesima edizione del festival del cinema Popoli e Religioni di Terni organizzato dall’Istituto di studi teologici e storico-sociali di Terni e in programma dall’11 al 19 novembre 2017.

E’ stato pubblicato nei giorni scorsi sul sito internet del festival il bando per partecipare alla competizione, che presenta quest’anno diverse novità.

Per la prima volta, infatti, a tutte e tre le categorie in concorso – lungometraggio, cortometraggio e documentari – si può partecipare attraverso la piattaforma internazionale Film Freeway (www.filmfreeway.com). Per la prima volta, inoltre, è prevista una tassa di iscrizione di 5 euro per il bando riservato ai cortometraggi, mentre resta gratuita quella per le altre due categorie.

“Una cifra simbolica – spiega il direttore artistico Arnaldo Casali – inserita per garantire che partecipino solo autori realmente interessati al festival”. “Lo scorso anno - aggiunge - abbiamo ricevuto più di 800 corti, alcuni di grandissima qualità, ma anche altri che non avevano nulla a che fare con la nostra linea. Abbiamo quindi da una parte la necessità di avere un filtro maggiore, dall’altra quella di avere un budget da reinvestire nella selezione stessa dei film”.

Un’altra novità è che tutti i film dovranno essere disponibili in lingua italiana e in lingua inglese. I film saranno giudicati infatti da ben tre giurie internazionali: quella del festival, quella Signis e quella ecumenica.

Oltre ai premi per il miglior film, miglior corto e miglior documentario, verranno assegnati quelli per la miglior regia, migliore attore, migliore attrice, miglior sceneggiatura, miglior fotografia, miglior colonna sonora, migliori effetti, miglior film umbro e Gran premio della giuria.

Si allarga anche la rete internazionale dei festival del cinema interreligioso che il Terni Film Festival ha costituito con le kermesse di Zamosc in Polonia e La Salette in Francia: quest’anno nella rete entrerà infatti anche il festival Niepokalanòw di Breslavia, sempre in Polonia. Si sta rafforzando inoltre la collaborazione con il Religion Today di Trento e la rete dei festival del cinema dell’Umbria che nei giorni scorsi ha incontrato a Perugia la nuova Umbria Film Commission per elaborare forme di collaborazione.

Per partecipare al concorso di Popoli e Religioni si possono spedire le proprie opere all’indirizzo Popoli e Religioni – Terni Film Festival c/o Istess Cenacolo San Marco, via del Leone, 12 – 05100 Terni; in alternativa si possono inviare per e-mail all’indirizzo redazione.popoli Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , o caricarle sul sito www.filmfreeway.com

Le opere dovranno pervenire entro e non oltre il 15 luglio 2017 (nel caso di invio postale, farà fede il timbro). Il formato delle opere dovrà essere esclusivamente in file video HD MP4 o DCP o in DVD, pena esclusione dal concorso.

Particolare attenzione sarà riservata ai film che affronteranno il tema della Metamorfosi intesa nell’accezione più ampia di mutamenti, passaggi, transizioni. Tra le tematiche che il festival affronterà ci saranno il gender, la conversione religiosa, i mutamenti epocali, post-verità, innovazioni digitali e opere riguardanti le figure di Michael Jackson e di Francesco d’Assisi, mentre il focus sarà dedicato all’India.

Ad ogni lavoro inviato, i partecipanti dovranno allegare una scheda di adesione firmata con indicazione del titolo del film e pressbook dell'opera stessa. Tutti i film, come detto, dovranno avere una traduzione in inglese e in italiano.

Per informazioni: 0744424786 – redazione.popoliereligioni@g mail.com

Cascata delle Marmore
 

I VENT'ANNI DELL'ATELIER MUSICALE FALCIONI

Tutto cominciò nei locali dell’oratorio della chiesa di Santa Maria Regina, nel cuore di Terni, dove ci si riuniva e si insegnava ai ragazzi cos’è la musica e come si adopera uno strumento.

A far nascere il Centro di formazione musicale fu il maestro Francesco Falcioni, con la preziosa collaborazione del parroco, don Sandro Sciaboletta.

Nello stesso periodo l’associazione musicale “Rolando Falcioni” è un centro di aggregazione musicale giovanile ma dopo qualche anno si trasformerà in una scuola di musica.

Da allora di anni ne sono passati venti e oggi l’ “Atelier musicale Francesco Falcioni” è un punto di riferimento importante per tanti ragazzi.

Quella piccola stanza ha iniziato a dare i suoi frutti senza mai fermarsi, è cresciuta, ha coinvolto musicisti affermati - sottolinea Francesco Falcioni - ha attirato giovani e meno giovani allievi che a loro volta hanno portato nuovi amici. Non ci siamo neanche accorti che da quella data sono passati vent’anni durante i quali abbiamo creato cori, orchestre sinfoniche, eventi musicali di ogni tipo, studi di registrazione, tournèe in Italia e all’estero e iniziative musicali di ogni genere. Abbiamo attraversato momenti tristi e successi trionfali, abbiamo perso degli amici e ne abbiamo conquistati altri, ma soprattutto abbiamo guadagnato la fiducia dei ternani semplicemente con la serietà, la continuità dell’impegno e con scelte didattiche appropriate. Oggi - aggiunge Falcioni - possiamo vantare una convenzione con il Conservatorio “A. Casella” de l’Aquila, che premia il nostro operato. Ringrazio le tante persone che hanno collaborato alla costruzione di questa istituzione: gli insegnanti, gli allievi, i collaboratori, la parrocchia di Santa Maria Regina, laProvincia di Terni, il Cesvol di Terni, il direttore del Conservatorio de L’Aquila e tutti gli amici che ci hanno sostenuto in questi 20 anni”.

Cascata delle Marmore

   

IL FESTIVAL DEL CINEMA DI SPELLO ENTRA IN OSPEDALE

Ci saranno anche i bambini tra i grandi protagonisti della sesta edizione “Festival del Cinema Città di Spello e dei Borghi Umbri – Rassegna Concorso Le Professioni del Cinema”.

Lunedì 27 febbraio, infatti, la kermesse promossa dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale “Aurora”, guidata da Donatella Cocchini, entrerà all’ospedale Santa Maria di Terni con un’iniziativa dedicata ai piccoli pazienti.

L’appuntamento è alle 11 nel reparto di Pediatria dell'ospedale Santa Maria di Terni. È lì che i bambini che si trovano ricoverati nella struttura ternana potranno assistere alla proiezione di alcuni cartoni animali. Al termine della visione, inoltre, i piccoli faranno merenda. Per loro, in dono, anche i cioccolatini offerti dalla Perugina.

Testimonial dell’evento, grazie alla collaborazione tra il Festival del Cinema di Spello e Sky, sarà l’attore Roberto Andreucci, che intratterrà i bambini nel corso della mattinata, così da far trascorrere loro una mattinata spensierata all’insegna del divertimento e della dolcezza.

Presenti all’appuntamento, oltre alla presidente Donatella Cocchini, anche il vicepresidente della Regione Umbria e assessore al Turismo, Fabio Paparelli, il sindaco di Terni, Leopoldo Di Girolamo, ed il direttore generale dell’Azienda ospedaliera di terni, Maurizio Dal Maso.

L’iniziativa si iscrive all’interno del ricco cartellone di appuntamenti dedicati al sociale che il “Festival del Cinema di Spello e dei Borghi Umbri” ha messo in agenda per l’edizione 2017. Vocazione, quella che contraddistingue la kermesse dedicata alle professioni del cinema, che proseguirà poi con altre iniziative.

Cascata delle Marmore

 

MUSICA: CON ARABA FENICE RITORNO AL ROMANTICISMO

Dopo l’ultimo successo che ha portato un altro sold-out al Gazzoli, grazie all’A.C.D. Trio e al programma dedicato alla rivisitazione in chiave jazz, dei grandi successi del musical americano, l’Araba Fenice ritorna nel campo della musica classica scritta nel pieno romanticismo ottocentesco.

Ed il ritorno è traducibile in una frase: un raro mondo in ci si muove nuotando in mare di dolci note.

Il raro mondo romantico che si schiuderà domenica prossima 26 febbraio al Gazzoli di Terni alle 17.30, è rappresentato dal Gran Settetto op.132 di Friedrich Kalkbrenner (1785-1849). Un’opera dalla forte carica improvvisativa, ma che conserva in se tutte le caratteristiche dell’impeto, della dolcezza, della lontana tristezza, e dell’eleganza affascinante che venne tratteggiata alla perfezione dai compositori dell’epoca. Ma anche un brano estremamente virtuoso e complesso dal punto di vista pianistico e questo anche perché, Kalkbrenner fu uno dei più importanti e apprezzati pianisti della sua epoca. Fu molto stimato da Chopin, che gli dedicò il suo primo Concerto per pianoforte e orchestra; egli fu infatti il primo esecutore di questa grande e celebre opera chopiniana.

La pianista che domenica si esibirà al Gazzoli, accompagnata da altri sei orchestrali è la concertista ternana Moira Michelini, Direttrice Artistica dell’Araba Fenice e artista con alle spalle già 30 anni di attività con oltre 500 concerti in tutto il mondo. Moira Michelini oltre a questa imponente opera pianistica, nella prima parte del concerto eseguirà in Duo insieme al clarinettista Alfredo Natili la celebre Fantasiestucke op. 73 di Robert Schumann, una composizione sognante, malinconica, ma con slanci impetuosi pieni di fuoco, tipici delle opere di Schumann.

Al programma fin qui descritto si aggiungerà un altro brano rarissimo dell’Austriaco Johann Georg Lickl, il Trio in per clarinetto, corno e fagotto, in cui si esibiranno, Alfredo Natili sempre al clarinetto, Marco Venturi al corno e Gabriele Francioli al fagotto.

Un programma quindi che accarezza quello che si può certamente definire il Romanticismo del Nord Europa. Un pomeriggio musicale che vedcambi continui di formazioni sul palcoscenico, dal Duo al Trio e poi il settetto nel gran finale.

Un altro concerto che connota la varietà e la rarità di questa 20esima Stagione dell’Associazione Araba Fenice. Una Stagione che prosegue la sua strada senza grandi difficoltà o tortuosità, nonostante i pochissimi, quasi nulli contributi degli Enti Pubblici, ma con il fortissimo sostegno della Fondazione Carit, di una serie di sponsor importanti come UmbriaEnergy che è il main-sponsor di questo concerto e al grande afflusso di un pubblico pagante sempre presente e partecipativo.

Le tre formazioni musicali: Duo – Moira Michelini, pianoforte e Alfredo Natili, clarinetto. Trio: Alfredo Natili, clarinetto, Marco Venturi al corno e Gabriele Francioli al fagotto. Settetto: Moira Michelini, pianoforte - Alfredo Natili, clarinetto - Marco Venturi, corno - Gabriele Francioli, fagotto – Ivo Scarponi, violoncello – Paolo Puliti, oboe – Carlo Buonaurio, contrabasso.

 

Cascata delle Marmore

   

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Edifici Energia Zero